attualita' posted by

I TEDESCHI SI ARRABBIANO PER I BOND ITALIANI A 50 ANNI: PERCHE’ NON GUARDANO A CASA PROPRIA?

 

titoli-di-stato

L’altro ieri è apparso sul quotidiano tedesco Die welt, questo articolo:

Articolo del welt

Il giornale lancia un’accusa interessante: la politica di tassi bassi e di QE viene a falsare il mercato. La prova ? Gli Italiani, questi inaffidabili, hanno emesso un titolo cinquantennale e, grande meraviglia, questo titolo viene a rendere SOLO il 2,84%.

Il giornale prosegue con una serie di attacchi tipicamente tedeschi su questioni che noi italiani conosciamo bene . Lo stupefatto Holger Zschäpitz , che conosciamo bene si chiede come uno stato con :

  • un rating bbb;
  • una crescita modesta;
  • una demografia non positiva;
  • e poi, alla fine siamo italiani, mandolino pizza.

Insomma come questo paese osi emettere un titolo del genere con rendimenti così bassi.

In realtà è una osservazione molto interessata: i titoli a lungo termine sono gli investimenti classici dei fondi pensione. Un basso tasso di interesse significa , per i fondi pensione tedeschi, bassi ritorni e quindi un sistema pensionistico difficile da sostenere. Per gli amici d’oltralpe la situazione ottimale sarebbe quella in cui investono in titoli sicuri, cioè di stato e meglio ancora di stati satelliti come Italia, Spagna o Portogallo, ma con rendimenti alti e senza rischi di cambio. Cribbio , proprio la situazione attuale, a parte per il problema interessi.

Ma il 2,84% pagato dagli italiani è proprio così basso ? Prima di tutto, ricordiamo che per i titoli il rendimento viene a dipendere da :

  • il rendimento dei titoli a breve privi di rischio a cui aggiungere
  • il premio temporale, che cresce con crescere della scadenza e quindi
  • il premio al rischio legatto all’emittente.

Ora quanto èil rendimento di un titolo di stato supersicuro a breve termine ?

     NAZIONE             RENDIMENTO   
GERMANIA 2 ANNI        -0,68%
REGNO UNITO 2 ANNI     +0,17%
GIAPPONE 2 ANNI      – 0,28 %
USA   2 anni                0,86
AUSTRALIA 2 anni      1,66%

per dare una valutazione corretta però bisogna anche conoscerele attese inflazionistiche dei vari paesi (dati OCSE 2017)

NAZIONE INFLAZIONE ATTESA 
ITALIA    0,9%
GERMANIA    1,5%
REGNO UNITO     1,6%
GIAPPONE    2,1%
USA    2,0%
AUSTRALIA    2,1%

Considerando i tassi reali attesi abbiamo una situazione eccezionale. Il rendimento reale atteso dei titoli di stato tedeschi viene ad essere non solo negativo, ma addirittura inferiore al -2%, così come quelli Giapponesi. Perfino i titoli di stato tedeschi, secondo le previsioni di inflazione , vengono ad avere rendimenti reali negativi. A questo punto il rendimento italiano cinquantennale pari al 2,85% viene ad essere quasi interessante, anche nell’ottica di un’inflazione attesa per il nostro paese inferiore a quella attesa tedesca. Probabilmente l’inflazione attesa dall’OCSE nel 2017 non sarà di questa misura, ma comunque i differenziali fra i vari paesi considerati sono realistici . 

Insomma, se il rendimento dei titoli italiani cinquantennali appare insensato, cosa dovremmo dire dei titoli tedeschi che assicurano una perdita a breve termine, immediata, superiore al 2% ? che sono una rapina ?? In questa situazione i tassi dei titoli cinquantennali appaiono più che giustificati. Come detto in precedenti articoli le attese ormai sono di  stagnazione epocale, ventennale, con inflazioni attese ridicole e crescite asfittiche. In questa situazione un 2,85% per 50 anni è puro ossigeno. 

Solo una cambiamento sulla scacchiera economica europea potrebbe assicurare unnuovo periodo di crescita. Però riusciremo ad ottenere questo risultato rimanendo nell’euro ? Tutto lascia pensare il contrario.

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog