attualita' posted by

Elezioni in Svizzera. L’analisi del trionfo degli antieuropeisti in un Paese non UE.

 

martullo-1 mod

La Svizzera che subisce meno gli effetti nefasti dell’UE ha scelto in misura maggiore l’antieuropeismo in occasione delle elezioni di ieri per il rinnovo del Parlamento.
Il partito definito “nazionalista” (in realtà sarebbe sovranista e anti Piano Kalergi) UDC, un caso di omonimia e sicuramente cosa ben diversa dall’UDC italiano, ha conquistato la maggioranza relativa della Camera di deputati, guidati dalla leader Magdalena Blocher Martullo, già soprannominata la Le Pen svizzera.

switzerland-unemployment-rate (1) switzerland-consumer-spendingIn base al risultato emerge che giustamente il Paese elvetico vuole difendersi dalle ondate migratorie pianificate e dagli insuccessi economici rappresentati dall’eurozona.
Un piccolo Paese che si difende a testa alta dalla selvaggia globalizzazione è la prova che la teoria propagandata dai media in Europa, secondo la quale il “piccolo” si deve unire altrimenti verrà fagocitato dal grande, è pura malafede, vero populismo e darwinismo sociale. Quest’ultime pseudo ideologie appena descritte,  vengono purtroppo recepite soprattutto dal resto dell’elettorato di quei Paesi europei che soffrono di più gli effetti dell’europeismo, come la Grecia, Spagna ed Italia, oppure in Germania dove i media mostrano la gente “esultare” per l’arrivo dei “profughi”.
Pertanto la cosa quindi dovrebbe far molto riflettere e necessita un’ approfondita analisi sociologica, magari inerente al tipo di informazione che viene mostrata nel resto d’Europa, o meglio propagandata, sotto influenze da parte di elites sovranazionali  tramite  finanziamenti.

 

Comments are closed.

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog