attualita' posted by

Alla Commissione europea l’uomo di fiducia per Berlino (Ovest)…

No, non ho fatto un errore cronologico, la Germania è riunificata da 24 anni e la guerra fredda è finita, mentre quella sociale è ancora in corso.
Però per capire a quali modelli si ispira il futuro capo della Commissione europea occorre sapere alcuni retroscena storici, che sono stati sempre taciuti, per il principio che la storia è scritta dai vincitori.
Quando è arrivata la crisi in Europa dagli USA , per la Grecia è stata ideata dai Paesi creditori nord europei, un modello che fu adottato dall’ex Germania Occidentale all’ex Germania Est, durante il periodo della riunificazione 1989-90.
Tale modello consisteva in privatizzazioni  del patrimonio pubblico nonchè di imprese private e statali della ex RDT, le quali, per la maggior parte di esse furono anche liquidate a prezzi stracciati perchè queste risultavano molto più competitive rispetto alle imprese dell’ovest tedesco, grazie ad un marco tedesco orientale svalutato. E’ bene precisare che per rimuovere l’ostacolo delle imprese competitive della RDT, la Repubblica Federale tedesca (Ovest) prima dell’unificazione gli ha imposto il suo marco pensate, questo per ricordare che le unioni monetarie sono sempre a scapito di chi aveva precedentemente una moneta più leggera.
Tra privatizzazioni, liquidazioni e marco pesante, il risultato fu una desertificazione industriale della Germania orientale dopo la riunificazione tedesca oltre ad un aumento esponenziale della disoccupazione ed una emigrazione di massa (forti analogie con la situazione attuale sud europea).
Tutt’ora oggi, la parte est dello Stato Teutonico rappresenta il meridione della Germania.
Questo modello tedesco occidentale che prevedeva per l’ex RDT privatizzazioni, dismissioni e liquidazioni sia del pubblico e privato, adottato durante la riunificazione aveva il nome di Treuhandanstalt, ovvero un’agenzia governativa della Germania Ovest preposta a espletare tali compiti nella parte orientale appunto.
Ricollegandomi alla crisi greca e non solo… il modello citato è stato ed è tutt’ora proposto e successivamente attuato soprattutto nel Paese ellenico.
Nel libro di Vladimiro Giacchè “Anschluss” (L’Annessione), viene citato Juncker, allora capo dell’Euro-gruppo che rilascia la seguente affermazione:
“Saluterei con piacere il fatto che i nostri amici greci fondassero un’agenzia per le per le privatizzazioni indipendente dal governo,secondo il modello della Treuhandanstalt tedesca,in cui ricoprissero ruoli anche esperti stranieri” (Juncker 2011:65). pg 272-273

Sul famoso quotidiano tedesco Juncker appunto propone il modello Treuhand come soluzione all’euro-crisi…
Cattura spiegel

Sempre nel testo di Giacchè vi è riportata la dichiarazione di Hans Modrow  l’ultimo primo ministro della Germania Est dal 1989 al 1990, il quale afferma sulla Treuhand quanto segue «distruzione della base industriale della Germania Est» : una distruzione«di entità tale che nella storia economica mondiale è senza precedenti in tempi di pace ed è estremamente rara anche in tempi di guerra»
pag 118-119.
Purtroppo la maggior parte degli italiani pensa veramente che Renzi possa uscire vincitore negoziando con il futuro capo della Commissione Europea.
Gli inglesi sono molto scettici sul futuro capo della Commissione europa, gli italiani pare di no, come non si rendono conto che il destino italiano sta combaciando con quello della Germania orientale.
Ed ora inizia anche la carnevalata del semestre italiano in Europa, occasione per distrarre ancora di più l’opinione pubblica nostrana con false speranze, dimenticando un piccolo particolare, che il Paese che ha presieduto fino ad ora è la Grecia…

1 Comment

comments powered by Disqus
RSS Feed

Archivi

Ebuzzing - Top dei blog - Economia e finanza
Ebuzzing - Top dei blog